Tu che hai i ritagli – La fine del campionato

E’ finito il campionato di calcio 2011-2012. Ha vinto la Juventus.
Come nel caso delle amministrative a Catanzaro, ora si contano più scudetti di quanti siano stati assegnati.
Noi – e i ritagli – torneremo la prossima stagione, e vi salutiamo con un hommage ad Alessandro Del Piero.
Per le figlie del calcio, signore e signori: Sonia Del Piero.

Giorgiop – Campionato brutto. Ha vinto la meno peggio e hanno perso le altre.
Schachner – Campionato specchio delle pietose condizioni del calcio italiano. Siamo appesi alle prestazioni di giocatori invecchiati e che non valgono più come un tempo e che – solo noi nel mondo calcistico in questa quantità – trasciniamo per anni paralizzando un intero sistema. Tendiamo ancora troppo a preferire i rischi minori, correndo poi quello più importante: non vincere più. La rosa dei pre-convocati per il prossimo campionato europeo ne è la rappresentazione: la serie B veste azzurro, tanti giocatori provengono da squadre minori e nessun attaccante all’italiana è riuscito a meritare la chiamata.

G – Liquidiamo così questo campionato e parliamo di occasioni perse. Ci vantiamo del peso specifico della cultura calcistica italiana (tecnici e calciatori) ma in Europa non la “strusciamo” più. Mancini ha vinto ed è stato acclamato come ambasciatore del calcio nostrano, ma con un undici titolare costato 167 milioni e Balotelli unico italiano, che nella partita dell’anno ha giocato 20 minuti per evitare le conseguenze dei suoi pericolosi comportamenti. Spero poi Prandelli potrà meglio spiegare il suo codice etico, vista la convocazione di Balotelli, espulso 19 volte in due anni. Torniamo alle occasioni perse. In Italia giocano quasi tutti allo stesso modo, con poche varianti, arriva Luis Enrique con una possibile rivoluzione e lo trattiamo da scemo. Dai tempi di Eriksson nessuno straniero ha vinto imponendo il suo gioco e lo stesso Mourinho si è italianizzato per vincere. Facciamo molto schifo, vero?
S – Siamo molto dietro in Europa. Il problema maggiore della nostra cultura calcistica è ancora il tifo. Sportivamente parlando, la nostra cultura non ha mai avuto una rivoluzione. Fino a quando continueremo ad acclamare i Capello e a richiederli come salvatori del Titanic, non faremo altro che imbarcare acqua. Luis Enrique è andato via perché non siamo in grado di costruire nulla, siamo dei pessimi sportivi, dei pessimi perdenti e quindi dei pessimi vincitori. Mi hai recentemente prestato un libro in cui si ripercorre la storia del Barcellona, per dimostrare come i successi di questi anni siano un percorso lungo, lunghissimo. Quel progetto continua a far lottare una squadra – e sia ben chiaro: il Barcellona non è un top team – per grandissimi traguardi solo grazie alla fiducia data a rivoluzionari del calcio che non hanno mai raccolto quanto avrebbero meritato. Noi siamo così stupidi che tra l’uovo oggi e la gallina domani, scegliamo sempre l’uovo.

G – Aggiungiamo anche la mancanza di onestà di stampa. Questa stagione quante volte hai letto “Luis Enrique sta giocando con tre difensori di ruolo in rosa, di cui due inadeguati al suo sistema” o “De Rossi appena firmato il contratto ha smesso di giocare” o  ancora “le partite migliori della Roma sono state quelle Pjanic sulla ¾ e Totti fuori”? Quante?
S – Apriamo quindi il capitolo Luis Enrique. La Roma ha chiuso malissimo. L’Europa, anche quella più importante, era lì a portata di mano e se l’è lasciata scappare. Imputando tutte le colpe possibili all’allenatore, io – e qui pecco un po’ di presunzione ma permettetemelo – che ho giocato, so benissimo che un calciatore arrivato in quelle posizioni a quel punto della stagione, anche se il metodo non ti convince, se non ti trovi bene e  se non ti piace il mister, tira fuori il carattere gioca le 3-4 partite finali con il coltello tra i denti, “all’arma bianca” come diceva un mio allenatore, ex portiere della Roma di Herrera. Porti a casa i punti che servono e poi risolvi i problemi a bocce ferme. L’Inter e la Lazio ci sono riuscite. Invece i giocatori della Roma hanno tirato i remi in barca molto tempo prima, per motivi che noi non sappiamo. Siccome non li sappiamo noi, non li conosce nessuno. Questo significa che le cazzate costantemente create ad hoc dai media romani sono sempre bufale, e non dell’agro pontino, e la speranza di tornare a “mangiare” li ancora spinge a trattare un argomento sportivo come una faccenda politica. E la politica, in quel senso, fa schifo.

G – Possiamo dire chiaramente che Luis Enrique é un personaggio poco italiano e anche nei saluti finali si é dimostrato molto attaccato a un progetto, ad una cultura più costruttiva che distruttiva, evitando di parlare di ciò che non ha funzionato in questa stagione?
S – Luis Henrique ha detto una lezione di stile al calcio italiano. Ha parlato bene anche di chi, appena lui ha fatto le valigie, ha cominciato a sparlarne. Ha fatto complimenti a tutti, anche a chi non ne meritava. Ripeto: si può essere tifosi, e quindi delusi per il risultato, ma i giocatori della Roma  hanno commesso un errore già dal ritiro a non dare il culo per un progetto che li avrebbe portati in alto. Ora ricominceranno, probabilmente con Montella, forse sopravvalutato.

G – L’errore di valutazione su Montella sta nel non vedere quanti punti hanno fatto col Catania Giampaolo, Mihajlovic e Zenga. E dove si sarebbe arrivati l’anno scorso con i punti di questa stagione. Parlare di Catania come di un “piccolo Barcellona” può vuol dire o non capire un cazzo di calci, o non avere idea del gioco del Barcellona. Noi, per la Roma, prenderemmo Pioli o Gasperini?
S – In italia abbiamo la brutta abitudine di valutare in senso assoluto ciò che si presenta relativo. Per un momento il Catania è stato tra le grandi, ma alla fine della stagione? Le squadre di calcio si valutano nell’insieme. Montella ha fatto le stesse cose di Zenga, Simeone, Giampaolo e Mihajlovic. Molti dei meriti del Catania sono nella rosa costruita con grande mestiere da Lo Monaco, e la prova risieda nella serie consecutiva di stagioni nella massima serie, cambiando spesso tecnico e calciatori. Il Catania dell’Aeroplanino ha preso una montagna di goal (che è passata quasi inosservata, nascosta sotto il tappeto da giornalisti poco lucidi), non ha sempre giocato “a far male” e, anzi, i punti più pesanti sono arrivati barricandosi dietro e andando in contropiede che neanche il Bari Eugenio Fascetti… Io, fossi tifoso della Roma, non vorrei come allenatore nessuno dei quattro ex del Catania. Poi è una semplice equazione, e quindi neanche Montella. Se la Roma vuole continuare in una certa maniera, forse il solo Gasperini è in grado di proporre quel tipo di calcio. Pioli ne ha meno voglia ma ha la grande capacità di andare incontro ai propri calciatori, valorizzandoli tutti.

G – Senza passare per l’imbarazzo societario (perché é evidente che qualche problema ci sia), é per te plausibile dire che la Roma stia firmando con l’unico allenatore che le abbia risposto “sì, vengo”?
S – E’ possibile. A Roma non si ha ben chiara una cosa: con certi giocatori in rosa, e con il loro peso specifico, un allenatore che voglia praticare un gioco molto preciso, con dettami rigidi, avrà problemi seri. La Roma oggi non può liberarsi di Totti e De Rossi per colpa di tifosi che preferiscono citare Whitman allo stadio o scomodare finti supereroi marveliani. La colpa è di chi fa il tifo. Ne fa le spese tutta la società.

G – Noi non parliamo mai di altri ma voglio spezzare una lancia per Luca Valdiserri del Corriere della Sera, che ha difeso Luis Enrique per l’intera stagione, unico giornalisti a cui il mister spagnolo abbia chiesto di fare una domanda nella conferenza d’addio. Uno giornalisti con cultura fa bene. Fossero di più, farebbe meglio. Luca, a una radio due giorni fa, come noi ha detto “sono stufo del calcio italiano”. Parlavamo del Barcellona, di galline e di uova. Dici “qui preferiamo le uova”. Siamo con tre posti in Champions League e l’outlook é più che negativo. Cosa faresti, in una sola mossa, per cambiare le cose?
S – In una sola mossa estenderei le regole dei dilettanti sui limiti d’età anche ai professionisti. Costringerei a portare in lista 5-6 giocatori under 23. Sempre.

G – Vediamo il lato positivo: l’Under 21 per assurdo é tornata quasi a fasti antichi, con Prandelli che pesca in quella fascia per gli Europei. I giovani ci sono, basta farli giocare.
S – Il lato positivo è che il mister se ne accorga perché ci sono sempre stati. Quello negativo è la gente che impreca “doveva portare Quagliarella o Matri” e aggiunge “Cigarini? Ma è matto!”. Meglio perdere con degli under 21, che farlo con del trentenni. I giovani ci sono, bisogna provarli per capire se sono buoni e non bisogna aver paura di fare figuracce. Tanto poi si fanno anche con Cannavaro.

G – Verissimo. In chiusura, speriamo in un futuro migliore per il nostro calcio o restiamo il proscenio del prossimo Mourinho?
S – Io ho sperato fino all’addio di Luis Enrique. Credo che, per cultura, siamo destinati al peggio. Siamo così dalle corse delle bighe, non credo si possa cambiare nel breve termine.

2 pensieri su “Tu che hai i ritagli – La fine del campionato

  1. Ok, l’analisi sulla roma mi pare ineccepibile. Quando le puntate sulle altre squadre? :P

    Scherzi a parte, concordo con il colpevolizzare l’atteggiamento dei tifosi in italia, ma alle volte il confine con l’alibi è sottile. Vendere De Rossi o Totti è possibile come vendere Kaka, volendolo fare. Ti becchi la tua contestazione, anche lunga, ma se poi torni a fare risultato la gente dimentica tutta. Anche a Roma, credo.
    Sottoscrivo la necessità di portare in lista un po’ di under 23, per creare una base, un progetto. Condivido un po’ meno l’idea di andare agli europei o ai mondiali coi giovani, a prescindere, solo perchè sono giovani. Secondo me serve un sistema che valorizzi i giocatori forti, anche se giovani, ma poi sono i 22 più forti che devi portare. Sempre e comunque. Indipendentemente dall’età. Il ruolo del CT secondo me sta poi nel valutare eventuali stati di forma, motivazioni (importantissime eh, visto che ci abbiam vinto un mondiale) e duttilità al sistema di gioco che si vuole usare. Però non c’è da inventarsi niente. Portare Cigarini perchè è giovane non è un buon motivo.
    Chiudo sul codice etico in nazionale: secondo me nella maggior parte dei casi è una cosa positiva, che educa e responsabilizza. Se ti devi giocare un posto con altri pari, ma comportalmente migliori di te, diventa una bella spinta a fare il bravo. Poi il campione “sopra le righe” ci sarà sempre. Quello non lo raddrizzi e, se non ne hai davvero bisogno, puoi anche permetterti di snobbarlo. Ma non so se l’italia oggi può fare a meno di Balotelli. A questo punto tanto vale provare il bluff, portarlo e metterlo titolare da subito investendoci “tutto”. Se va, bene, altrimenti basta. Capitolo chiuso.

  2. standing ovation per l’acuta analisi post campionato ma per balotelli sono con prandelli, meglio avere una testa di c….che può risolvere le partire che un manovale. Magari se è intelligente lo fa giocare a spizzichi e bocconi. Sperando che non rompa gli zebidei nello spogliatoio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...