Veni Video Vici

Tiziano Ferro – La differenza tra me e te

Come dice Ghibo “su junkiepop nessuno si vergogna di essere fan di Tiziano Ferro”. Ha ragione, diciamo che il suo disco si aspetta, come quello di altri gruppi alternativi di un certo livello. Tiziano è di un certo livello (per me proprio di un altro livello) e a me fa venire voglia di prendere Latina come residenza e dichiararmi assolutamente fan con tatuaggi, magliette e quant’altro.
Fatto sta che la nuova canzone spacca come poche altre cose al mondo, il suo stile è veramente la divisione tra il buon gusto e il cattivo gusto (a favore del primo) e che dire, che la sappiamo già tutti a memoria? “Bohme e te ”


Beyonce – Party

Quando dicevamo la divisione tra buon gusto e cattivo, nel caso di Beyonce la torre pende sempre invece per la seconda parte. Qui l’obiettivo è la tetta. Che non si vede per carità ma tutti staranno lì “oh ma quanto è bella e culona a fare anche la donna da trailer park”. Ecco andateglielo a dire davanti a Jay Z che un po’ strappona è. Io il coraggio non lo ho. Il disco “4” per me è fiacchissimissimo e neanche si inizia il paragone con Sasha Fierce. La canzone in questione è un po’ la cartina tornasole del pezzo “sì carino ma mboh (e e te)”. C’è il party (ovviamente) la festa i culi autoslappati insomma Beyonce.


Lamb – Build a fire

Forse l’ho detto già che 5 il nuovo disco dei Lamb è bellissimo? sì, ci ho scritto un post. Questo è il brano a suo modo rivoluzionario, quello rock. Il video è abbastanza trascendentale, cioè invece dei black bloc che danno fuoco alle macchine su via Cavour gli accendono dietro un paio di rauti, però fa il suo dovere. Un giorno mi spiegheranno perchè hanno truccato Lou Rhodes come la signorina Silvani, vallo a capire


R.E.M. – We all go back where we belong

Il video dell’anno. A parte il senso de “l’ultima canzone degli ariem” ma c’è Kirsten Dunst in bianco e nero a cui son due le cose o stanno facendo sentire la canzone o è in attesa in fila al cesso. Detto ciò apprezziamo il non utilizzo del mezzuccio Von Trierano di cascare sulla scollatura ogni occasione utile (sì ha una quarta embè? l’avete scoperto ora? io lo dico a Colasanti da almeno un anno e lui diceva di no) e boh. Ha un senso, ecco.