Tu che hai i ritagli – Il punto del campionato (al rovescio)

luna-grillo

Il momento storico è difficile. C’è grande fermento e grande paura. C’è però anche un principio di ricambio generazionale, e tanti hanno la possibilità di cimentarsi in nuove esperienze.
Siccome JunkiePop non è un blog che tratta direttamente la politica, il nostro ricambio sarà applicato a questa rubrica semiseria. Sarò quindi io a fare le domande a GiorgioP, che risponderà mangiando uno dei suoi lecca-lecca.
Non abbiate paura, però: il ricambio è un miraggio e, dalla prossima, GiorgioP ritornerà a coprire il suo ruolo ufficiale, cioè il sommelier. Scusate, lapsus. Tornerà a coprire il suo ruolo di domandatore.

Per le figlie del momento politico: Luna Grillo.

Schachner – Il campionato italiano di calcio è l’esatto contrario del momento politico che sta vivendo il Paese. Da cosa sei più annoiato: che ricominci a vincere sempre la Juve o che si rischi di andare alle elezioni, e che vinca Berlusconi?
GiorgioP – Il problema è, come dici tu, ‘la noia’. Per qualche momento questo campionato è sembrato meno noioso per le fiammate di (nell’ordine): Inter, Napoli, Lazio, Milan. Ma alla fine tra i cinque litiganti gode sempre lo stesso. Più vicino di tutti mi sembra il Napoli, che con un paio di cosine (e magari in alcuni casi una mentalità differente e meno piagnona, cosa che crea alibi a scatafascio per i giocatori) quest’estate può veramente dire la sua, sia con Cavani sia senza. Anche perché cambierà allenatore e la squadra sarà meno Matador-centrica. Stramaccioni e l’Inter sono un bluff imbarazzante, il Milan ha almeno 15 punti portati in maniera risibile dagli arbitri, e la Lazio è stata sfigata. E se prendeva Yilmaz probabilmente avrebbe vinto davvero lo scudetto.

S – La lotta scudetto non c’è davvero mai stata. Quella per l’Europa sembra la trama di un film dei Vanzina (va sempre a finire come ti aspetti). Le tre che sgomitano per non scendere in B sono l’ultimo baluardo della tensione per un campionato sempre più impoverito. Chi scende, e perchè?
G – Non lo faccio per piaggeria perché sei Genoano, ma per me è una cosa da ultima giornata tra Palermo e Genoa. Con il Genoa in vantaggio col 51% di probabilità. di rimanere in A. Se scenderò il Palermo sarà perché ha un presidente che è quello che è, e che con Sannino (saluto il mio, anzi nostro, amico Enrico Veronese a proposito) si sarebbe probabilmente già salvato. Il Siena è una squadra messa lì per far fare bella figura ai Mezzaroma nel salotto buono del centroitalia (a proposito, è ancora un salotto buono?) e per far parlare quattro stracciaroli plurinquisiti sulle radio romane di quanto sarebbero bravi loro a fare i presidenti in questa città. Avevo creduto al Pescara ma credo abbia avuto il problema di avere ‘troppa roba’ per una squadra che deve salvarsi, e quindi non essere stato in grado di lavorare su un undici consistente, soprattutto davanti.
Il Genoa ha probabilmente giocato con tutti i moduli conosciuti nel calcio moderno, forse mancava il WM e poi saremmo stati a posto. Ecco, diciamo che più che altro sono contento che i mercati alla faccio e rifaccio tutto in sei mesi alla Preziosi/Zamparini siano stati sconfessati e vivranno dell’ignominia del “e mica te pò di’ sempre culo”.

S – I bianconeri dominano in Italia ma in Europa sono lontanissimi dai top team. Che futuro per loro? Conte rimarrà? Chi dovranno comprare per riportare finalmente una squadra italiana nelle prime quattro d’Europa?
G – La Juventus è una squadra di carattere, piagnona perché gestita da paraculi, ma sempre di carattere. Per me è una squadra perfetta per il campionato italiano, dove il livello tecnico si è abbassato ma si è alzato quello della tensione e della ‘tigna’. In questo la Juve, in termini di società, allenatore e giocatori, non ha rivali in Italia. All’estero sconta un gap tecnico che è innegabile dai quarti di finale in poi. Non è un discorso di spesa, perché da analisi con paragone nei confronti del Bayern, per esempio da quando i Bianconeri sono tornati in A, la Juvetus ha speso 320 e il Bayern 230 milioni. Il fatto è cosa vai a comprare. Vucinic è l’eterna grande ballerina che alla prima scivola sempre, Pogba un grande prospetto, Pirlo in Italia sembra Rivera (sempre per il concetto che in terra di ciechi beato chi c’ha un occhio) ma in Europa marcano i trequartisti e non la vede più. Poi boh, Lichtsteiner o Asamoah non sono giocatori che ti fanno fare il salto di qualità. Da Marchisio mi aspetto sempre che diventi qualcosa di veramente grosso (perché è forte davvero) ma per un motivo o per l’altro non gira mai la chiave definitiva. Sono tante incognite e tanti punti interrogativi. E sembra una premessa di rifondazione, ma la squadra, per l’obiettivo Europa, così è sbagliata.

S – Tante panchine in movimento e pochi allenatori buoni disponibili. Fammi una previsione per i mister di Napoli, Inter, Roma, Milan.
G – Milan tiene Allegri; Napoli prende Montella (anche se mi terrei aperta un’opzione Zeman, occhio…); l’Inter va su Mazzarri (io spero Blanc, così ridiamo per altri dieci anni); La Roma mi auguro non Donadoni, io vorrei tanto Terim.

S – Dalla B potrebbero salire Sassuolo (tanti soldi e tante idee), Verona (che è il Catania in versione verde-oro), e il Livorno (nel cuore di tutti noi). Sarà l’ultimo anno della serie cadetta senza tetto d’ingaggi. Come cambia il secondo campionato italiano con questa nuova regola all’americana?
G – Spero sia uno sprone per la serie A, ma non lo sarà. Ci saranno squadre con parecchi giovani e molti meno giocatori a fine carriera, che o abbasseranno le pretese o andranno a Dubai o in Canada. Il fatto è che in serie B (e ci sono sempre i ‘carciofari’ delle radio romane che dicono che dalla serie B non è mai venuto qualcuno di forte) ci sono talenti veri. Per ricordarne qualcuno: Hamsik, Insigne, Florenzi, El Shaarawi. Se andiamo avanti con l’esotismo del nome o della pubblicità su Sky, 10 giocatori avranno un costo e un ingaggio di almeno venti giocatori che sono in B. Magari anche più forti. Io spero in un’apertura della Lega Pro ad alcune squadre della primavera (tipo il Barcelona B in Spagna), ma dubito si farà mai.
Prendi un giocatore come Verratti, mettilo ad esempio alla Juventus: non sarebbe cambiato tutto, ma sicuramente molto. Eppure a Torino hanno speso 17 milioni per la comproprietà di un giocatore che da centromediano è finito a fare il terzino ed un altro rotto che non ha giocato mai (Asamoha ed Isla, per intenderci). Con 17 milioni avresti potuto prendere in comproprietà Insigne, Immobile e Verratti a giugno. Ma non ci arrivano…

S – A proposito di Livorno. Anche senza combinare nulla, Di Canio fa sempre parlare di sé e delle sue passioni politiche. Un editorialista sportivo del Guardian ha scritto che chi non lascia libertà di esprimere idee diverse dalla propria, è più fascista del fascista che critica. Che idea di ti sei fatto?
G – Di Canio è matto vero, fascio e laziale. Ciò nonostante ammiro il suo essere matto. Il suo calcio è quello e ci rimarrà per tanto tempo. Sono convinto.

S – Capitolo romane. Ti direi di andare a tuo piacimento ma ho due spunti. Roma confusionaria e ancorata nuovamente agli ultra trentenni. Lazio con buone idee, allenatore interessante, ma con un rosa corta (o meglio, lunga ma con ricambi di mediocre valore). Quale il loro futuro nella prossima stagione.
G – Già detto: se la Lazio avesse preso Yilmaz, chissà dove sarebbe stata ora (e tremo al pensiero). Per me tra Lazio e Roma non c’è paragone come rosa e determinazione (e dal centrocampo in su anche come qualità). E’ una squadra che ha Onazi, Ederson, Hernanes, Gonzalez, Mauri, Klose, e un grande scopritore di talenti come Tare. Se non vende e aggiunge due giocatori di livello (anche intesi come ricambi) sono dolori veri. La Roma: boh, tutto desolante. I ‘carciofari’ delle radio locali dicono: “Però De Rossi guardate come esulta”. Sei milioni. Mi frega cazzi come esulta. Il Bayern con Pjanic e De Rossi paga Schweinsteiger. Basta con la romanità a tutti i costi che condiziona tutti, dirigenza compresa (e questo è un errore dei dirigenti). Che poi, mi dici quanti romani c’erano in squadre che hanno vinto in Italia e in Europa negli ultimi dieci anni? vincere gli scudetti Primavera non significa avere poi in rosa dei fenomeni. Questa è una boiata tutta nostra, e ci porterà all’ennesima rifondazione (che poi questi giovani sono sì di belle speranze, ma Marquinhos, Lamela Pjanic quanto valgono oggi, e soprattutto quanto li ha deprezzati giocare per un inadeguato come Andreazzoli?)

S – Chiusura inevitabile su Walterino nostro. Rischia davvero di andare ad allenare la Roma. In quel caso, che cazzo farai tu?
G – Nell’ultimo anno, io e te siamo cambiati molto. Secondo la logica del nemico del mio nemico è mio amico, Chicco è un grande. Indipendentemente dall’antipatia, che è talmente grossa che quasi diventa simpatia (tipo Paperon de’ Paperoni), Mazzarri ha messo su una squadra che è riuscita a fare a meno di Lavezzi, a giocare un campionato con Britos Cannavaro e Campagnaro e in porta uno 36enne. Davanti ci sono state le lune di Cavani, eppure è sempre lì, senza superstar (se leviamo il centrocampista più forte che c’è in Italia, checché ne dica Sabatini di Sky, che reputa il migliore Montolivo) e con un gioco che alla fine è un semplice contropiede, ma fatto bene. Tre passaggi e sono in porta, una quantità di giocatori tattici che fa spavento (Inler, Zuniga, Dzemaili, Pandev, Behrami) e una cattiveria che è seconda solo alla Juve.
Io lo accoglierei a braccia aperte, a patto che la società dica “questo è l’allenatore dei prossimi quattro anni: chi ci sta, bene; chi no, fuori dai coglioni”. Ma dovresti avere i coglioni di fare una cosa del gnere, e questo non accadrà. E molto probabilmente Mazzarri, che fa di tutto ma non ha mai sbagliato la scelta della propria squadra ai fini della carriera, preferirà l’Inter. Che è come dire preferire Raffaella Carrà a Maria DeFilippi.
E poi per rispondere a Carrera ha detto “appena ha tempo gli faccio rispondere da Frustalupi”. Daje Chicco.

Tu che hai i ritagli – Il punto del campionato

Torna la rubrica più importante tra le rubriche inutili, come direbbe Arrigo Sacchi.
Non so quante puntate ci saranno quest’anno perché spero vivamente il calcio (soprattutto quello italiano) possa improvvisamente sparire, come nella trama di un telefilm di J.J. Abrams.
Insomma, parlando dello sport più popolare al mondo, secondo me c’è poco da stare allegri.
E a tal proposito: per le figlie del calcio, Valentina Allegri.

GiorgioP – Torniamo e tutto sembra un po’ come prima. La Juventus davanti (ad occhio, con il minimo sforzo); il Napoli come prima pretendente; Roma, Milan e Inter nel guado di ridimensionamenti e ricostruzioni. Se non si inventa qualcosa la Fiorentina, insomma, due palle.
Schachner – Iniziamo questa stagione di Ritagli partendo da un presupposto: il calcio italiano non ha più soldi da spendere. Il livello del campionato si è abbassato parallelamente alla disponibilità economica delle squadre, in virtù della crisi e dell’imminente fair play finanziario (che magari spiegheremo più in là). Le squadre tirano tutte verso il basso, quindi quelle in grado di reggere sono le carrozzate con il telaio migliore (Juventus, Napoli, Lazio) o quelle che dimostrano una progettualità e i migliori “ingegneri” (Fiorentina, Parma, Udinese, Sampdoria, forse la Roma). Le milanesi sono quelle che risentono maggiormente delle crisi perché per anni si sono limitate a spendere fior di quattrini per i migliori giocatori senza investire nei giovani e spesso addirittura investendo e lasciandoli andare (la lista è lunga e fa una squadra da quarto posto in classifica). Come movimento, il calcio italiano è superato da Inghilterra, Germania e Russia (con i soldi), Spagna e Portogallo (senza soldi ma tante idee) e rischia seriamente di farsi riprendere dal movimento belga-olandese, che non ha mai fatto follie, con una tradizione tecnico-tattica sempre innovativa e che, in caso di un ulteriore livellamento di poteri economici, ha un bacino di talenti e scuole calcio da far invidia. siamo senza idee e quindi alla frutta.

G – Qualcuno – pochi – ha idee interessanti. Ad esempio, Lotito è criticabile per mille ragioni ma ha preso un allenatore quadratissimo, interessante e con una proposta di gioco che parte dal pragmatismo e arriva ad un gioco corale anche divertente. Certo, rivestono un ruolo importante la disponibilità, l’applicazione e la “fame” dei giocatori nella rosa. E la Lazio (s)fortunatamente (la “s” é per Lotito che li paga) li ha.
S – Io sono un fan di Lotito, da sempre. Fa ridere, è una macchietta ma ha tutto per fare bene. Ricorda molto i presidenti degli anni ’80, sempre attenti ad ogni centesimo.
Il giudizio popolare sul presidente “latinista” risente molto del fatto che negli ultimi 20 anni ci siamo abituati a presidenti paperoni, che hanno stravolto le logiche economiche del calcio (cominciò Berlusconi). Si è perso di vista il fatto certo che una squadra di calcio è una ditta e deve ragionare come tale. Lotito lo ha sempre fatto, nonostante abbia un background torbido come quello di altri presidenti. Lui e Tare sono la salvezza della Lazio. Senza loro due: fallimento o ridimensionamento. Vanno ringraziati. La squadra mi piace, l’allenatore pure. Il problema sta un po’ nei rincalzi, che non sono di livello, ma Petkovic li sta gestendo bene, coinvolgendo tutti e questo fa bene sperare se si è tifosi della Lazio. Vorrei solo capire le vicende di Mauri e le loro eventuali ripercussioni sulla Lazio.

G – Parlando di presidenti colorati, Zamparini se ne va (poi vedremo) da Palermo, lascia la firma a Lo Monaco e il Palermo fa 4 punti in due partite. E torna in squadra Miccoli. Mi chiedo, alla romana, “ce voleva tanto”?
S – Bastava poco davvero, infatti. Miccoli rimane un giocatore eccentrico, e certi suoi comportamenti e quel suo volersi sentirsi sopra tutto forse avrebbero indispettito qualsiasi presidente. Resta che Zamparini è uno dei peggiori, sia bene chiaro.

G – Ricordi un anno fa quando parlavamo di sorprese, giocatori intriganti? Oggi molti se ne sono andati, quasi tutti anzi. Chi adottiamo quest’anno? La nostra passione comune è Matias “Mati” Fernandez. Chi aggiungiamo?
S – Mati Fernandez e le sue rabone sono sicuramente in testa. Sta facendo bene Weiss, così come il suo compagno di squadra Quintero. Borja Valero, sempre a Firenze, ha preso in mano la squadra. La mia personale scommessa è D’Ambrosio in Nazionale.

G – Scommesse: ci mettiamo De Luca? E anche la certezza che Colantuono sia un allenatore pronto per il salto per una squadra che lotti per l’Europa? Gioca bene, lancia giovani, ha aiutato Cigarini ad arrivare nei pre-convocati per gli Europei.
S – Anche De Luca merita sicuramente. Grande personalità all’esordio in A e talento già fatto vedere con la primavera del Varese, quando allenava Mangia (ora all’Under 21). Colantuono sarebbe perfetto per una grande squadre e riesce a far bene con i giovani e con i meno giovani. Il problema è trovare presidenti disposti ad attendere i propri allenatori, come accadde con Gasperini all’Inter. Tra le big non saprei chi potrebbe prenderlo ma una chance prima o poi arriverà anche per lui.

G – Come per Montella. Per cui citerei il De Sica di Borotalco “i sfonn o m’abbrucio”
S – Esatto. Per ora è “al dente”. La Fiorentina gioca bene ma non tira mai. Sembra un po’ la Roma di Luis Enrique, con la differenza che non prende gol con la stessa facilità. Mi domando infatti, e lo chiedo a te, perchè la Roma non abbia proseguito sugli stessi binari piantati dallo spagnolo con Montella, magari venendo incontro alle sue richieste, per continuare un lavoro interessante e rimasto incompiuto. Va bene che siamo il popolo delle infrastrutture non terminate, ma almeno in una cosa così frivola come il calcio…

G – Ti rigiro la domanda: cosa faresti, vista la rivoluzione culturale che vanti di portare, con un allenatore fortemente voluto dai due senatori della squadra?
S – Parliamo della Roma, di Montella, di Totti e De Rossi.
Io probabilmente non saprei cosa fare ma il progetto romanista, partito con presupposti di grande interesse internazionale, sta naufragando tecnicamente. L’unica nota positiva che rilevo è – mi pare evidente – un deciso cambiamento di visione da parte dei tifosi più incalliti su alcuni comportamenti dei “coccolati” giallorossi. Se prima una vendita di De Rossi veniva vista al pari della vendita del Colosseo, ora è caldeggiata fortemente al grido di “conta solo la Roma”. Io tengo sempre a mente il valore commerciale dei calciatori. De Rossi, insieme a Buffon e Sneijder, è il calciatore italiano più pagato. Sembra che il suo stipendio valga solo per la Nazionale. Con la sua squadra di club gioca pessime partite almeno da tre anni. Io credo poco nella gestione del singolo e più in quella del team e del blasone: rompi i coglioni, vai via. Da questo punto di vista, Luis Enrique e Zeman mi sembrano simili. Ci sono regole, ci sono codici, etichette, comportamenti che vanno rispettati sempre, a prescindere dal proprio peso specifico. Le grandi squadre mettono sempre al primo posto il loro nome e i loro colori. A Roma, da quando c’è Totti, si è messa da parte questa mentalità e altri giocatori ne hanno approfittato e ne approfittano. Per questo la Roma non vince nulla e non è una grande squadra.

G – Tanto per chiarire, visto che tu hai i ritagli ed hai allenato, se uno dei tuoi giocatori più importanti ti dicesse “dichiarando i tuoi obiettivi fai il male della nostra squadra”, “sarebbe preferibile allenarci di meno” e, alla richiesta di un movimento in allenamento, “te lo faccio domenica in partita” tu allenatore che faresti? (e ad oggi niente di quanto scritto sopra è stato smentito).
S – Io per molto meno ho mandato a fare la doccia o fatto fare giri di campo mentre gli altri si allenavano con il pallone.
La questione è molto semplice: De Rossi è un subordinato di Zeman e guadagna 6 volte il suo allenatore.
Sbagliano le società a pagare più i giocatori dell’allenatore. E’ un po’ come se in un giornale i giornalisti fossero più pagati del caporedattore o di un direttore. L’errore è a monte, è nel concedere tutto questo potere ad un individuo che, nella filiera di una squadra, rappresenta l’ultimo tassello.
Una delle poche cose che condivido con Mourinho: l’allenatore deve guadagnare più dei suoi giocatori, perché non gli concede vantaggi e libertà di sentirsi sopra ogni giudizio.

G – Mettiamo da parta il “discorso Conte” per le prossime puntate. Chiudiamo peró dicendo che la seconda stagione di Ritagli vedrà l’endorsement per Chicco Mazzarri e al suo “a Carrera faccio rispondere dopo da Frustalupi”?
S – Ci sarà tempo per parlare di Conte. Carrera, come immagine, ha decisamente surclassato il Bell’Antonio, io l’avrei tenuto. Mazzarri idolo assoluto. Sempre.

Tu che hai i ritagli – Il punto del campionato

Avremmo voluto accogliervi nuovamente con la foto di una figlia del calcio, esattamente come la scorsa settimana vi abbiamo proposto Claudia Ranieri. Eravamo indirizzati verso l’erede di Maurizio Zamparini, Greta. Purtroppo siamo incappati in questa istantanea e quindi costretti a rinunciare. Riprenderemo il prossimo lunedì.

GiorgioP – Io inizierei parlando di una cosa che mi dicesti quest’estate: torti arbitrali o meno, questo campionato é al livello della Ligue 1. Secondo me non é tanto un problema di valori tecnici, ma dei “danni” lasciati da Mourinho come impostazione
Schachner – Per una volta rispondo con una domanda: quali sono i danni lasciati da Mou?

G – Esempio. Vedo Reja che si é innamorato dell’idea di sacrificare un attaccante per fare l’ala. Almeno metà delle squadre del campionato mirano a difendere bassi e ripartire con due passaggi. Ormai chi gioca con un proposito offensivo o di controllo del gioco si conta sulle dita di una mano. No?
S – Sì, hai ragione. E’ che Mourinho ha fatto talmente tanti danni al calcio italiano per vincere una cazzo di Champions League…
Anche il Vicenza ha quasi vinto una coppa europea ma non ha fatto lo stesso casino.
Effettivamente lui ha dimostrato di poter convincere gli attaccanti a difendere, per poi ripartire con giocatori capaci di far gol e non con dei semplici recupera palloni.
Io sono convinto che si debba attaccare e difendere con dieci giocatori in ogni parte del campo, quindi un po’ gli dò merito.
E’ anche vero che quel suo modo è essenzialmente brutto e noioso, che ci sono tante squadre che continuano a giocare imponendo il possesso palla – quest’anno Milan, Roma, Juventus – e che vincere tenendo sempre il pallone tra i piedi dà una soddisfazione diversa dallo stare tutti nella propria metà campo ad aspettare che gli altri sbaglino.
E’ una maniera per vincere, siamo onesti. Ma se si può vincere anche in un altro modo, sarebbe il caso di provarlo.
Fiorentina-Milan, 0-0. Più divertente di qualsiasi vittoria dell’Inter mourinhana.

G – Condivido. Anche se parlando di quella partita non si può non tirare dentro l’arbitro. Noi non lo faremo perché non ci piacciono le polemiche. Detto questo, vedo Delio Rossi in quella che, forse, é l’impresa più difficile finora. Con giocatori infortunati, svogliati, a fine contratto o a fine carriera, riesce a mettere in campo un undici con voglia di giocare?
S – E’ una bella sfida anche secondo me. Lui non ha mai fatto male, da nessuna parte, quindi riuscirà a dare un’impronta di gioco come ha dimostrato saper fare. Un tempo avrei detto Firenze una piazza esigente. Forse i tifosi hanno compreso il nuovo corso e si accontenteranno di vedere belle partite.
Anche perchè la lotta è molto più agguerrita del recente passato, e la fascia di valore della Fiorentina ora include altre squadre, oltre ai soliti Genoa e al Palermo.

G – Il Palermo é un mistero invece. A me sembra sempre giochi in maniera discreta, cerca sempre di fare la partita. In casa andamento da scudetto. Fuori casa 0 punti e un goal. Ho l’idea che alla fine avere un assetto dentro e uno fuori non paghi più di tanto.
S – Effettivamente l’approccio in casa diverso da quello in trasferta è una scelta anni ’80.
Non ce ne vogliano i tifosi rosanero, ma nonostante il pensiero del presidentissimo Emmezeta, questo Palermo è il più scarso mai visto in serie A durante la sua gestione.
Proprio per questo credo che – “tutti dietro” o “tutti avanti” – ne prenderà, quest’anno…
Stupisce quasi la mancanza di impeto suicida di Zamparini e quindi il mancato esonero di Mangia dopo una di queste sconfitte rotonde.

G – Però Silvestre, Ilicic, Hernandez, Pinilla (e per me anche Acquah) potrebbero recitare una parte chi più chi meno rilevante in una squadra di vertice, no? Non voglio dare ragione a Zamparini eh, sia mai…
S – Personalmente su Silvestre scommetterei immediatamente, sugli altri ho forti dubbi.
Secondo me i giocatori di livello portano a casa prestazioni maiuscole tutto l’anno, anche in piccole squadre. Poi perdono, vincono, non importa.
Questi giocatori, nel Palermo, alternano molto il loro rendimento tra gare eccellenti e partite anonime. Sia ben chiaro: sono dei buoni giocatori ma non mi hanno convinto pienamente.

G – Mi spieghi invece un arcano? La Juventus sta giocando con almeno tre titolari discussi – a questo punto da chi? – fino all’ultima giornata di mercato: Bonucci, Matri e Marchisio (a tanto così da uno scambio per Vucinic). A novembre gioca col 4-2-3-1 invece del 4-2-4. L’elasticità é un pregio e comunque sta giocando un bel calcio, ma Marotta e Conte quest’estate si sono parlati?
S – Praticamente hai risposto da solo in sarcasmo.
Le interviste estive di Conte spesso facevano pensare ad una mancanza di comunicazione con la dirigenza o addirittura ad una impossibilità di realizzare sul mercato i desideri del mister.
Per ora potremmo attestare che Marotta, come dirigente di una grande squadra, ha obiettivamente fallito – è molto più facile tirar fuori sorprese comprando manciate di giocatori per spiccioli, piuttosto che trovare a colpo sicuro il campione e pagarlo il giusto – e che Conte ha la capacità di mettere da parte orgogli personali – come Matri in panchina o Bonucci in Russia – di fronte al bene della propria squadra.
Uno a zero per l’ex uomo da riporto. Ora dice che sono i suoi.

G – Finora (e sia messo agli atti che lo scrive un romanista, che per la Juve dovrebbe sperare solo il male) la sorpresa vera del campionato. Senti, noi ce lo diciamo da due settimane, il Real con Gago ha fatto la stessa stronzata di Cambiasso? Miglior centrocampista del campionato finora. Almeno per me.
S – Lo diciamo da tempo e lo ribadisco: veramente un grande giocatore e forse il Real s’è sbagliato come fece con l’altro argentino.
Bisognerà capire se lo lasceranno andare via da Madrid definitivamente. Trovo che l’operazione in sè – prestito per 500 mila euro – sia di un valore incalcolabile, contando quanto costa, ad esempio, il prestito di Zarate all’Inter.
La nota positiva di Gago si armonizza con Pianjic, che conferma le attese, e De rossi, tornato ai livelli a cui aveva abituato ad inizio carriera. In sostanza Gago si inserisce in un centrocampo fresco, tecnico, padrone del possesso palla e soprattutto giovane.

G – C’é il riscatto a sei milioni, dovremmo essere tranquilli. Rassicurami tu, che hai studiato: Burdisso torna bellissimo, forte e bandito come prima, vero?
S – Burdisso ha un anno meno di me. io quell’infortunio l’ho avuto ad entrambe le ginocchia. Una volta sono tornato più bello di prima, la seconda ho cominciato ad allenare.
Anzi, tra un po’ devo fare un’altra operazione. Se vuoi venire a trovarmi….

G – Posso dire una cosa impopolare? Bologna – Cesena, mi sono divertito. Pioli ha messo in mostra quello che potrebbe fare con giocatori che non hanno due piedi sinistri. Bel gioco, cambi di attaccanti per attaccanti. Alla fine, nonostante un esonero, quello dei rossoblu é un campionato sopra le aspettative.
S – Anche a me Pioli piace, e mi sarebbe piaciuto vederlo alla Roma, con questa rosa.
Già dalla scorsa stagione non riesco ad inquadrare il Bologna. E ancora non ne sono in grado.
Tornando a Pioli, Zamparini è un imbecille – il blog è tuo, paghi tu le querele perse – e con Pioli in panchina il Palermo avrebbe fatto bene. Esonerato dopo due pareggi contro una squadra – il Thun – che non era assolutamente debole.
Il Bologna guadagna tantissimo con lui e, in cuor suo, Pioli sta facendo un campionato testa a testa con il Palermo.
Non gioca per salvare i rossoblu ma per far più punti di Zamparini, andargli sotto casa e scrivere con lo spray sulla fiancata delle macchina “coglione”.
Propongo una giocata alla Snai: testa a testa “Palermo vs Bologna”, scommettiamo sul Bologna.
Magari lo giochiamo a gennaio, se non vendono Ramirez.

G – A me il rinnovo contrattuale di Ramirez puzza tantissimo di “firma e ti vendiamo, tanto di soldi ce ne danno”. Che peccato. Spero vada davvero all’Arsenal.
Senti, io ce l’ho al fantacalcio e sono ultimo in classifica, perché Pazzini non segna più?
S – Risposta breve: perchè l’Inter questa stagione ha deciso di provare a far di tutto per non vincere nulla.
La metafora del fornello.
Come ho detto tante volte, la rosa è bollita e solo un allenatore fresco può trovare un modo di adattare quella carne, magari facendoci un buon arrosto. Invece si ostinano a volere fare ancora brodo ma quella carne lì non è più saporita. E in più, come cuoco, hanno deciso di dar via Gasperini/Ramsey e prendere Parodi/Ranieri.
Pazzini, che stimo tantissimo, si batte come un leone ma non arrivano proprio palloni giocabili. I centrocampisti sono i suoi compagni più usurati. Cambiasso, Motta, Stankovic sono all’ultima chiamata; Sneijder gioca una gara al mese; Alvarez e Coutinho non sono ancora dei calciatori adatti a squadre con ambizioni importanti.

G – Chiusura con il nostro amico Walter. Sabato ha detto di aver vinto quattro a zero e che lui degli arbitri non parla.
S – La nostra antipatia nei suoi confronti è talmente ingombrante che gode di vita di propria, fa il giro dall’altro lato e alla fine diventa simpatia.
Ricordi i libri da mille lire? Dovremmo farne fare uno dal titolo “101 scuse per la scuola” di Walter Mazzarri.
Gli chiediamo di scrivere centouno cazzate per giustificarsi dal non aver fatto i compiti.
Secondo me, in questo era un maestro già alle elementari.
La Lazio sabato è andata lì per pareggiare e ha pareggiato. Se c’è qualcuno che ha vinto, è quel volpone di Reja.
Mazzarri vive in un mondo suo, ricreato ad hoc dal suo essere un puzzarolo, come diciamo a Roma.

Tu che hai i ritagli – Il punto del campionato

E’ ormai chiaro l’intento di questa rubrica: cercare di farsi notare dalla redazione di Ieri, Moggi e domani e andar lì come ospiti, insieme a Big Luciano, al secondino De Santis e all’andreottiano Pippo Franco.
Per quanto riguarda la foto, non c’è nessun motivo: volevamo solo farvi vedere la figlia di Claudio Ranieri, Claudia.

GiorgioP – Marotta, tra una riga e l’altra, ha fatto capire che il Napoli non ha voluto giocare apposta, che si poteva e che erano stanchi dopo il Bayern. Mazzarri ha talmente tante risposte da dare per fare la vittima che 14 giorni di pausa campionato non bastano.
Schachner – Posto che quando si parla di società di calcio, il più pulito ha la leptospirosi, in questo caso la Juventus non è stata proprio presa in considerazione. Le autorità locali hanno deciso di comune accordo con i dirigenti partenopei, e la Juventus in albergo ad aspettare notizie. Il Napoli ha preferito riposare, fine della giostra.
Mazzarri è sempre più antipatico, De Laurentiis fa film di merda, il Napoli non passerà il turno in Champions ma sarà colpa del diavolo.

G – Tra le partite che si sono giocate, il Palermo porta via la quinta vittoria in casa su cinque partite. Ragionandoci: Mangia è un esordiente, da una parte ascolta Zamparini e stravolge la tattica in cui crede per mettere in campo Zahavi, dall’altra dedica la vittoria al dimissionario diesse Sogliano; tiene 7 partite in panchina Ilicic perchè si allena male, e quando lo rimette in campo sembra Stankovic dei bei tempi. Per essere tutte botte di culo sembrano tante, no? Sembra poter durare più di sei mesi a Palermo (in una squadra che per me ha almeno sei giocatori da big).
S – So che queste sono cose veramente da nerd del pallone, però spero tu mi conceda qualche bonus.
Per lo stesso motivo per cui ti raccontavo che a Coverciano chiamavano Sannino ‘maestro’, ti dico che Mangia è un allenatore in gamba e si sa da tanto tempo, che di Zahavi te l’avevo detto, e che il mister rosanero prende duemila euro al mese, quindi Zamparini se lo terrà il più possibile. Come detto durante la guida, il Palermo lotterà per obiettivi inimmaginabili.
I giocatori ci sono sempre stati, non sono mai mancati a Palermo. Gli faccio un augurio, perchè avere quel presidente lì non deve essere divertente.

G – Posso dirlo? A un certo punto uno vede il bello anche nel piccolo. Gli emergenti (allenatori, giocatori, squadre) sono la novità piú accattivante del campionato. Io, per dire, avrei puntato molto sul Cesena visti gli innesti e le non partenze (Parolo su tutti). Ficcadenti era il Mou del culatello. Andato via lui, persa la bussola?
S – Ficcadenti è un allenatore che non decifro. Il suo Cesena, a mio parere, non ha impressionato così come ci hanno fatto credere e affrontò tutte le big all’inizio, cosa che sappiamo essere sempre un vantaggio per le provinciali.
Se guardiamo le statistiche tecniche della serie A, il Cesena di Giampaolo era sempre tra le prime, insieme a Juventus, Milan, Roma e Lazio. Gli è mancata incisività davanti e, obiettivamente, non l’avrà mai perchè non ha una prima punta.
Spero con tutto il cuore si salvi, ma a gennaio gli consiglierei di prendere un attaccante da sportellate e che ogni tanto la butti dentro.

G – … che ad occhio non ce ne sono, a meno non scongelino Corradi.
Invece senti un po’: parlando degli emergenti di cui sopra, Ramirez è già pronto per il salto in una grandissima (non italiana) alla Sanchez vero? Fisico, dribbling, tiro visione. Io lo vedo con la maglietta dell’Arsenal
S – A Cesena quasi direi Toni.
Ramirez è davvero forte. E’ da grande squadra. Forse da Arsenal, anche se i sudamericani lì non hanno mai avuto tanta fortuna.
Secondo me c’è da aspettare – su di lui – qualche sorpresa dall’Italia.

G – Altre bellissime prese all’Atalanta: Schelotto (che mi ricorda Jonas, solo dall’altra parte), Moralez e l’usato sicuro di Denis. La dimostrazione che non devi spendere in doppia cifra per avere quantità e qualità, no?
S – Ecco, secondo me hai nominato tutti giocatori forti, di base. Si sa che sono bravi ma bisogna avere spazio nell’undici per rischiarli e metterli in mostra. Marino, deus ex machina dell’Atalanta, aveva portato Denis al Napoli, e gli ha dato fiducia anche a Bergamo. Sapeva il suo valore, Denis non aveva potuto mostrarlo in pieno, ora ne ha possibilità. Uno dei vantaggi delle piccole squadre è poter concedere una seconda occasione.
Schelotto si sta per guadagnare una convocazione in azzurro, per inciso.

G – Parli di convocazioni, me la tiri fuori.
Spiega un po’: come può un chierichetto come Prandelli convocare – alla faccia del codice morale – Montolivo dopo le risate nel minuto di silenzio, aspettare dichiaratamente Rossi e soprattutto non convocare Di Natale?
Faccio i conti io per l’Europeo: Matri, Balotelli, Gilardino, Giovinco, Osvaldo. Ad oggi uno tra Totti e Di Natale andrebbe (considerando che Giovinco in nazionale non mi ha impressionato).
S – Prandelli ha già dimostrato di concedere bonus a chi reputa importante (Cassano e Balotelli, ad esempio). Montolivo si aggiunge a questa breve lista. Di natale – mi spiace – ma non è un giocatore da grandi palcoscenici e lo ha dimostrato. Va nel pallone più totale quando la posta diventa alta e, secondo me, non convocarlo non è una decisione così peregrina, considerata l’età e il desiderio di rinnovamento. Totti ormai è anagraficamente fuori dal progetto e non ho neanche idea di dove potrebbe giocare in questa nazionale (senza contare anche lui fa fatica a reggere pressioni importanti).
Giovinco non piace neanche a me, ma se continua così è impossibile non portarlo. In più è l’unico che un pochino potrebbe sostituire Cassano e Rossi, come struttura e idee, nel caso uno dei due – o entrambi – non dovesse recuperare per maggio.
Gilardino se continua così è impossibile portarlo.
Balotelli sarebbe bello non portarlo mai.
Non farei fuori a priori Pazzini, che ha grande capacità di lotta, e Borriello, che potrebbe sfruttare la seconda parte della stagione, magari andando via da Roma e da tutte quelle panchine.

G – Tanto non la strusceremo mai. Facciamo un po’ di fanta-qualcosa: giugno 2012, sul mercato degli allenatori ci saranno Prandelli, Spalletti, Capello e Zeman. Azzardo: Inter, Milan, Nazionale e Napoli.
S – Può darsi, chi lo sa. Faccio il bastian contrario.
Forse Zeman di nuovo a Napoli è troppo per lui, troppo per Aurelio. Mi sa che a Pescara può rimanere a insegnare calcio senza che gli rompano troppo i coglioni.
Allegri non ha rinnovato ma solo ritoccato l’ingaggio. Non so dove potrebbe andare, per lasciare spazio a spalletti.
Prandelli sta facendo bene con la nazionale. L’inter è una destinazione ma, ora come ora, anche un salto nel vuoto.
Capello in pensione, ha fatto il suo tempo.

G – Questione di metri di giudizio, fosse applicato a tutti: se Muriel ieri viene espulso e quel metro viene applicato sempre, ad occhio in quanti si finisce in campo?
S – E’ sempre un casino parlare di queste cose.
Per come la penso io sullo sport, se mandi a fare in culo l’arbitro devi sempre essere ammonito.
Non dovrebbe fare differenza se lo fanno Del piero e Totti: è una regola e quindi non si può fare.
Lo scandalo succede quando gli arbitri si girano, facendo passare constantemente il messaggio sbagliato.

G – Per me infatti la regola – cioè il giallo – é quello che é successo ieri.
Due provocazioni per chiudere: con Pjanic la Lazio vinceva lo scudetto.
S – Se esce dall’Europa Leaguem può vincerlo lo stesso.
E allora sarà: la Lazio, senza Zarate, può addirittura vincere lo scudetto?

G – Se Sculli continua ad essere l’asso di bastoni (e c’é sempre Kozac dietro), lo rischia davvero. E aggiungo: se Barreto torna quello dei tempi belli, fosse che fosse che l’Udinese… Pare stiano aspettando lui, mentre alla lista dei grossi giocatori aggiungiamo Basta e Asamoah.
S – I tifosi della Lazio non apprezzano molto nè Sculli nè Kozak. Il primo è definito nè carne nè pesce, il secondo un giocatore da serie B a cui preferire sempre qualcunaltro.
Asamoah fenomeno da sempre, Basta grande sorpresa.
La lazio a me piace sempre, mi piace anche Lotito. E’ un ciarlatano ma le imbrocca tutte, non sbaglia mai. E poi legge Orazio (quello di Clarabella).
Anche l’Udinese mi piace sempre, e quest’anno fa paura a tutti quanti.
La corsa allo scudetto non è mai stata così ampia come quest’anno.

G – Magari Ranieri riapre tutti i giochi. L’ho visto mercoledì contro il Lille e sembrava un Batman tristissimo in attesa di uno scherzone del Joker.
Povero Claudio. Non ha neanche Robin, ha Branca che neanche legge i registri Uefa.
S – Farà fatica ad arrivare in Europa, questa Inter.
E’ uno spettacolo vedere ranieri negare l’innegabile.
Per me ha lo stesso psicoterapeuta di Mazzarri.
Forse è jonathan crane (e qui andiamo su nerdismi pesanti).

G – Ricordi il seme della follia, il film di Carpenter? In pratica c’é un assicuratore chiamato a cercare uno scrittore horror scomparso. Solo che questo scrittore ha il potere di fare impazzire le persone scrivendo boiate e diventano tutti matti. Finisce che l’assicuratore (diventato matto pure lui) si rivede la storia al cinema e ride.
Lo scrittore si chiamava Sutter Cane. Ci sta bene no?
S – Certo che lo ricordo. Io e le mie sorelle siamo cresciuti insieme a una madre con una piccola biblioteca horror, passando i pomeriggi a giocare nelle segrete del negozio di Dario Argento, e le sere a vedere gli spettacoli di mezzanotte (quando ancora non esistevano) per le anteprime dei film di Wes Craven.
E ancora mi chiedo perchè fatico così tanto nella vita, non riesco a mangiare il formaggio e mi fanno senso i semi del melone…

Con Sutter Cane, viene una cosa un po’ alla Johnny Palomba.

Er seme d’a follia di John Carpenter.
A ‘n investigatore je chiedono de cerca’ ‘no scrittore: Sotto Ercane. Lui lo cerca ma nun lo trova. Va pe’ paesi ma nun lo trova. Allora se legge i libbri de Sotto Ercane pe’ capi’ chi è, e ce va un po’ sotto, perchè chi legge qu’i libbri ce va sotto. Continua a cercallo e alla fine lo trova, e Sotto Ercane je da un libro che deve ancora usci’ ma poi se scopre che è già uscito. E allora l’investigatore pensa “sto Sotto Ercane me sta a pija per culo, un po’ come ve sto a pija per culo io co’ sto film”.
Allora va ar cinema pe’ distrasse e fasse ‘na risata, pe’ non pensa’ a Sotto Ercane.
Noi invece se semio visti sto film e non se la semo fatta pe’ gnente ‘na risata.

‘Na vorta mi cuggino s’è perso le chiavi de casa. Poi l’ha ritrovate.
Stavano sotto er cane.